venerdì 2 ottobre 2009

New York City nel 2016: Tomorrowland

New York città sogno per molti, nel 2016 ospiterà ben nove milioni di abitanti (oggi ne ha solo otto). Già ora gli architetti e urbanisti si confrontano con la necessità di renderla viviile. Gli edifici saranno sempre più alti e i parchi saranno sospesi a mezz'aria. Attualmente queste idee esistono solo nei disegni dei progettisti e sono in attesa di essere realizzati. Tomorrowland prevede la rivalutazione di tutta la zona costiera, l'esaltazione del verde e pare che Frank Gerhy realizzerà buona parte di questi interventi. Tomorrowland si diversifica attraverso i suoi cinque distretti.

Manhattan


Il giro non può che iniziare dalla ricostruzione del World Trade Center, la Freedom Tower di Daniel Libenskind e David Childs.


Accanto a quello che diventerà l'edificio più alto degli Stati Unitie ospiterà spazi destinati al divertimento, ristoranti, studi della Manhattan Television Alliance e tanti uffici, ci sarà anche lo Stegasarium di Santiago Calatrava, una struttura trasparente che ricorda la forma di un volatile dalle ali in vetro e acciaio, destinato a diventare centro di snodo per i trasporti che servono la zona.


Lo stesso Calatrava ha disegnato il complesso di dieci edifici residenziali. Si pensa che questa zona potrebbe accogliere fino a 80.000 persone nel 2030.

4 commenti:

L'armadio del delitto ha detto...

9 millioni!
Sono affascinata dai grattacieli, anche perché ho paura sull'ascensore quando salgo sulla mole o sulla Tour Eiffel. Eh sì, una montanara come me... che vergogna!

gio - il mio carnet di viaggio ha detto...

ehhe io soffro di vertigini a volte :) nonostate questo sono salita su una delle torri della sagrada familia, la Torre di Montparnasse o sul pilone a Messina (l'unica estate in cui l'hanno aperto), 200 metri di altezza su scalette strette e aperte, una follia considerado la mia prima frase.

rossovelvet ha detto...

Che meraviglia, già ora New-York è magica ma la sua magia risiede proprio nel mix di epoche architettoniche molto forti... vittoriano olandese con tanti mattoni vs vetro.... e la nuova postpostpostmodernità, speriamo, produrrà un dialogo ancora piu affascinante !!

iaia ha detto...

Aaaaah, il mio amato calatrava!!
ho sentito dire però che i lavori -causa crisi- procedono parecchio a rilento... in pratica tutte quelle società che si sarebbero dovute trasferite in quei grattacieli tirano la cinghia e rimandano l'acquisto :/