martedì 14 settembre 2010

Il padiglione della Korea, Expo Shanghai 2010




Il padiglione graficamente si basa sull'Han-geul ovvero l'alfabeto coreano, una serie di segni dell'alfabeto che creano uno spazio espositivo nel quale i visitatori esplorano la geometria dei caratteri in tutte le dimensioni: orizzontale, verticale e diagonale. Le forme geometriche primarie che compongono l'alfabeto sono universali e comuni anche ad altre culture, quindi sono facilmente riconoscibili. Le superfici esterne sono rivestite in due modi differenti: le prime con pannelli bianchi aventi in rilievo lettere di 4 dimensioni diverse, per la maggior parte del volume, le restanti superfici sono realizzate utilizzando gli Art Pixel, pannelli in alluminio 45x45 creati dall'artista Ik-Joong Kang. Una serie di pannelli coloratissimi simbolo di speranza ed unità. I pannelli sono retro-illuminati, le lettere della facciata si accenderanno la sera conferendo al padiglione un aspetto molto particolare.

3 commenti:

Giuliana ha detto...

Favoloso.. mi ha fatto pensare alle forme di quel gioco con i tasselli giappo.. nn so se mi spiego..sai quello dove devi abbinare i tasselli e sbloccare quelli sotto..? non ricordo come si chiama..!! cmq è stupenda questa struttura..!!

gio - il mio carnet di viaggio ha detto...

vero, non ricordo il nome però ho capito :)

rossovelvet ha detto...

Pauroso e geniale!!!
Buona settimana ;)