venerdì 27 novembre 2009

Brad Pitt e l'architettura

Quando ho aperto questo blog non pensavo di poterlo associare alla figura di un attore come Brad Pitt... della serie "mai dire mai". Qualche anno fa gli Stati Uniti sono stati colpiti da quello che è stato classificato come uno dei cinque più gravi uragani della storia del paese, sia in termini di danni economici, ma anche per il numero di morti: l'uragano Katrina.

In questa occasione Brad Pitt è intervenuto con l'organizzazione "Make it right" chiamando architetti di fama internazionale per la ricostruzione di New Orleans gravemente colpita dall'uragano. Gli sfollati hanno avuto la possibilità di scegliere fra diversi progetti, tutti sostenibili, in grado di garantire la sicurezza in caso di nuove alluvioni.









Mi domandavo a che punto fossero i lavori e ho scoperto che le prime famiglie sono entrate nelle loro nuove case e le prime abitazioni.
Coinvolti nell'operazione 14 studi di architettura, tutti scelti dall'attore americano. Cinque dalla Louisiana, quattro da altre zone degli USA e cinque dal resto del mondo: Adjaye Associates dalla Gran Bretagna, Constructs dal Ghana, MVRDV dai Paesi Bassi, Shigeru Ban Architects dal Giappone e Graft da Berlino.
Proprio lo studio di Berlino ha firmato l'ormai famoso Pink Project , la tendopoli temporanea create per ospitare i senzatetto e ispirata a una tenda rosa vista da Brad Pitt durante le riprese di un film
.


Le strutture d'emergenze sono state replicate in serie e poste in ordine sparpagliato nel paesaggio. Ora che le case stanno prendendo il posto delle tende, i teloni rosa sono diventate shopper in vendita online per raccogliere fondi in aggiunta alle donazioni tuttora in corso sul sito.
Come fosse una sfida nella sfida, i progetti delle case hanno dovuto rispondere a requisiti specifici. Primo: il costo inferiore ai 150.000 dollari , secondo le misure e la superficie d'ingombro ( i progetti non dovevano superare i 12 metri di larghezza ). Terzo la sopraelevazione delle abitazioni e la predisposizione di vie di fuga attraverso i tetti. Ovviamente tutte le costruzioni oltre ad essere state realizzate con materiali a impatto zero, hanno riscaldamento geotermico ed elettricità prodotta con pannelli solari.

Per vedere i progressi: http://makeitrightnola.org/

3 commenti:

L'armadio del delitto ha detto...

Mi sembra che Brad Pitt si sia distinto delle altre personalità hollywoodiane facendo questo. Un vero lavoro, veri risultati, vera ecologia, e non solo immagine glamour prestata ad una giusta causa. Ho seguito un po' questi lavori: bravi!

Brunhilde ha detto...

Complimenti, questo post è bellissimo! Mi fa piacere che ci sia pure uno studio africano coinvolto nel progetto, che così è davvero di grande respiro, oltre che esteticamente notevole.

rossovelvet ha detto...

Bè complimenti... mi chiedo che propozione tocchi e che fascia riguardi, pero è una gran bell'iniziativa. Oltre che anche esteticamente appealing !