lunedì 8 novembre 2010

La sotterranea più lunga d'Europa


Dopo 7 anni di lavori e 5 di ritardo a dicembre è stata effettuata la prima corsa della nuova metropolitana L9, la linea sotterranea più lunga d'Europa. Un progetto grandioso che si snoderà attraverso i comuni di Santa Coloma, Badalona, Barcellona, L'Hospitalet e El Prat de Llobregat, unendo puntinevralgici come l'aeroporto, la stazione Tav della Sagrera, la Fiera, l'ampliamento della zona portuale, la Città della Giustizia e il campus universitario sulla Diagonal. 52 fermate, 20 delle quali consentiranno il collegamento con altri sistemi di trasporto, in superficie e non. Il progetto prevede che la linea sarà utilizzata da 350.000 utenti giornalieri, sarà completata nel 2014 e avrà un costo complessivo di 6,5 miliardi. Il progetto colpisce anche per l'impiego di tecnologie particolarmente innovative, il livello di automatizzazione per cui i treni saranno guidati mediante un centro di controllo remoto, non necessitando quindi di un conducente. Nell'impossibilità di concepire una linea di tipo tradizionale sono state previste 3 tipologie di stazione: 30 a forma di pozzo cilindrico poste ad una profondità compresa fra i 30 e i 70m, con un vestibolo superiore e uno inferiore collegati tra loro mediante scale mobili e ascensori panoramici ad alta velocità sincronizzati con l'arrivo dei treni. 17 fermate di tipo convenzionali, 5 fermate all'aperto.

1 commento:

rossovelvet ha detto...

L'ultima tappa per completare Barcellona come meraviglia architettonica... e funzionante!